Bondora: la recensione della piattaforma

BONDORA RECENSIONE

Bondora è una piattaforma Estone di prestiti tra privati (“Peer to peer lending”) fondata nel 2009 che offre la possibilità di finanziare prestiti in Estonia, Finlandia e Spagna. E’ la seconda piattaforma in Europa in termini di volumi ed attualmente è supportata da oltre 72.000 investitori. Qualunque cittadino europeo può iscriversi e iniziare ad investire con appena 1 euro a tassi medi intorno al 10.6% annuo lordo.  

Key Numbers


  • +130.000 investitori attivi
  • +376 milioni di euro raccolti
  • +10.6% rendimento medio annuo (lordo)
  • +0.5% tasso di default osservato

Caratteristiche principali

  • Tipologia di prestiti: Consumer loans, business loans
  • Mercati: Estonia, Spagna, Finlandia
  • Durata: 3mesi – 60mesi
  • Range tassi di interesse: 5 – 14%+
  • Commissioni investitore: non presenti
  • Investimento minimo: 1 EUR
  • Valuta: EUR
  • Mercato secondario: Si
  • Auto-invest: Si
  • Garanzia Buyback: No
  • Regolamentata: Si come credit provider
  • Loanbook disponibile: Si

Come funziona Bondora?

Come tutte le piattaforme di P2P lending, Bondora offre la possibilità di poter prestare il proprio denaro all’interno di una piattaforma mettendoti in contatto diretto con persone alla ricerca di un prestito personale.

La piattaforma utilizza un algoritmo che assegna un rating ad ogni richiedente. I rating migliori ti permettono di avere un rendimento atteso più basso rispetto a quelli peggiori però sono in genere quelli meno rischiosi.

Per cercare di limitare il più possibile le perdite, è opportuno inoltre frazionare il più possibile il proprio capitale su più richiedenti. La piattaforma ti da la possibilità di investire fino ad un minimo di 1 euro su ogni richiedente e in questo caso, se il debitore non dovesse pagare il proprio prestito, tu “perderesti” solo 1 euro anziché l’intero capitale.

Ho messo “perdita” tra virgolette in quanto la piattaforma agisce anche come società di recupero crediti nei tuoi confronti e quindi in teoria il tuo capitale in default potrebbe essere in parte recuperato.

Il modello di business di Bondora si basa sui ricavi percepiti dai borrowers (Richiedenti). L’investitore invece non paga alcuna commissione, né per depositare denaro, né per investirlo, né per prelevarlo. Il denaro trasferito su Bondora viene custodito in un conto segregato nella SEB Bank, una banca scandinava con un buon rating (più alto rispetto a diverse banche italiane).

Come investire in Bondora?

Bondora è stata creata per offrire opportunità di investimento per un’ampia gamma sia di investitori alle prime armi che di investitori sofisticati. Allo stato attuale, la piattaforma offre quattro modalità di investimento che analizzeremo in dettaglio.

Il primo step consiste nel registrarti all’interno della piattaforma. Se vuoi provarla, ti offro la possibilità di ottenere un credito di 5 euro utilizzando questo link promozionale.

Dopo esserti registrato dovrai trasferire il denaro sul tuo conto all’interno della piattaforma. Puoi trasferirlo con carta di credito o con bonifico bancario.

Infine hai diverse opzioni per cominciare ad investire i tuoi risparmi adatte alle tue esigenze. Eccole di seguito:

Go & Grow

Il prodotto Go & Grow è il prodotto più indicato per investitori alle prime armi. Le impostazioni iniziali sono molto semplici. Dopo aver assegnato un nome al proprio conto, occorre definire la cifra iniziale che si vuole investire, gli eventuali depositi mensili e la durata espressa in termini di anni. A questo punto, il sistema configura in automatico la migliore strategia di investimento ed acquisterà direttamente sul mercato i finanziamenti.

Il rendimento atteso è pari al 6.75% annuo lordo liquidato giornalmente. Il sistema investe solo su prestiti a breve termine ed è possibile liquidare la propria posizione in qualsiasi momento al costo di 1 euro.

Portfolio manager

Portfolio manager è la seconda modalità di investimento, leggermente più personalizzabile rispetto a Go & Grow. Anche questa modalità è indicata per investitori alle prime armi o per coloro i quali non hanno ancora una buona familiarità con lo strumento. Rispetto al precedente prodotto, è possibile decidere il livello di rischio / rendimento al quale siamo interessati.

In automatico, la piattaforma distribuirà le somme da investire nelle diverse classi di rischio. Portfolio Manager si occupa anche di acquistare o rivendere i prestiti sul Mercato secondario per tenere sempre bilanciato il tuo portafoglio.

Portfolio PRO

La terza modalità di investimento “Portfolio PRO” è la più indicata per investitori esperti in quanto offre un ampio numero di impostazioni rispetto alle altre due modalità. All’inizio, come sempre, dovrai impostare i tuoi criteri, da quel momento in poi, Portfolio Pro si occuperà autonomamente del processo di investimento.

I criteri principali sono: geografia, classi di rischio, durata e ammontare massimo da investire su ogni singolo prestito. Bondora assegna a ogni prestito una valutazione di probabilità di default dei pagamenti. Il rating ha otto livelli che vanno da “AA” (minore probabilità di default) a “HR” (maggiore probabilità di default).

Mercato secondario

Esiste inoltre una modalità ancora più granulare per poter investire in Bondora: il mercato secondario. All’interno di questa sezione troverai la lista di tutti i prestiti che sono stati messi in vendita da altri investitori.

In questa sezione hai la migliore vista di tutti i prestiti in quanto puoi cliccare su di uno e vedere numerose informazioni quali il piano di ammortamento, le informazioni finanziarie del debitore, il titolo di studio, eventuali garanzie, ecc…

Sicuramente è il modo migliore per investire però è anche quello più complesso e laborioso. Devi infatti avere molto tempo a disposizione per andare a selezionare ogni singolo prestito e acquistarlo.

Nel mercato secondario inoltre è possibile anche acquistare prodotti a sconto! quindi abbiamo la possibilità di guadagnare ancora di più su ogni singolo prestito.

API

L’ultima modalità di investimento, utilizzata dall’ 1% degli investitori, riguarda l’API (application programming interface) che permette a coloro i quali abbiano competenze di programmazione di creare una propria applicazione di investimento. E’ la modalità più efficiente in quanto permette di costruire il proprio algoritmo di investimento ma altamente complessa da implementare per chi non ha buona dimestichezza con la programmazione. 

Bondora è un investimento sicuro?

Il P2P lending è un investimento rischioso in quanto tutto il tuo capitale è a rischio. Nel caso in cui ad esempio una piattaforma dovesse fallire oppure un debitore non dovesse più ripagare il proprio debito, tu potresti incorrere in una perdita. Ecco perché i rendimenti attesi su questo genere di strumenti sono più alti rispetto ad altri prodotti finanziari.

Tuttavia, se sei attento e bravo a selezionare correttamente i prestiti, hai un rischio contenuto e un rendimento tutto sommato molto interessante, intorno al 10% annuo lordo.

A differenza di altre piattaforme di P2P lending, bondora non offre la garanzia di buyback. Tale garanzia si attiva nel momento in cui il debitore non paga due rate del prestito e la piattaoforma in questo caso si compra il tuo prestito e ti rimborsa il capitale in arretrato. E’ un sistema che però durante il covid-19 ha dimostrato notevoli problemi quindi a mio avviso forse è meglio non prestare particolare attenzione a questa forma di garanzia.

La mia esperienza su Bondora

Ho iniziato ad investire in Bondora a gennaio del 2018 quindi ormai sono più di due anni e mezzo che utilizzo questa piattaforma di p2p lending.

Il rendimento medio lordo che ho ottenuto è intorno all’1% utilizzando il portfolio PRO. La mia strategia al momento è la seguente:

  • Nazioni: tutte
  • Rating: AA, A, B
  • Durata: fino a 48 mesi
  • Max investimento: 10 €
  • Liquidità di riserva: 0€

In questo modo, dovresti contenere le perdite in quanto sono stati selezionati i rating migliori. Fai attenzione alla Spagna, perché i tassi di default sono piuttosto alti in questo paese rispetto agli altri due stati.

Conclusioni

Bondora è la seconda più grande piattaforma in Europa di P2P Lending. E’ inoltre quella che ti offre il più alto livello di trasparenza in assoluto. Hai infatti la possibilità di scaricare moltissimi report sull’intero portafoglio intermediato sin dalle origini.

Analizzando nel dettaglio i dati, si possono notare numerosi ritardi, e la maggior parte di essi non sono garantiti. Se quindi sei un investitore alle prime armi non dovresti utilizzare le funzionalità avanzate per investire ma partire con il prodotto Go & Grow anche se offre un tasso di interesse inferiore rispetto al tasso medio di mercato.

Se vuoi provare ad utilizzare la piattaforma, iscriviti con questo link e ti ritroverai un accredito immediato di 5 euro da utilizzare fin da subito.

Informazioni su Daniele Forza 72 Articoli
Sono Daniele, fondatore di questo blog. Dal 2015 investo attivamente nelle piattaforme di P2P Lending e sono qui per raccontarvi la mia esperienza.

4 Commenti

  1. Salve Daniele, ti scrivo perchè vorrei avere un giudizio sulla piattaforma bondora in termini di trasparenza e affidabilità, visto che la sto sperimentando di recente investendo 467 euro, mi preoccupa il fatto che nonostante la società pubblichi un resoconto mensile di bilancio da quello che ho notato, se un giorno dovesse andare sull’ orlo del baratro possa in qualche modo recuperare e quindi prelevare in anticipo la somma versata, insomma per le prospettive future mi devo preoccupare o per adesso la mia paura é infondata?

  2. Non mi sembra corretto affermare che Go & Gro “può essere paragonato ad un conto di deposito bancario” in quanto i coefficienti di rischio sono completamente diversi. I conti correnti bancari sono coperti da garanzia del fondo interbancario di tutela dei depositi che interviene in caso di default della banca. Nel caso di GO & Grow invece rimane il rischio di default della piattaforma nel qual caso l’investitore rischia comunque la perdita di tutto il capitale.

  3. Ragazzi Bondora è una rivelazione, io lo uso da parecchio tempo e mi sto trovando benissimo.
    In più si ha una prospettiva sull’interesse composto non indifferente.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.