Produzioni dal Basso metterà a disposizione i suoi analytics per tutti i progettisti.

Milano, 12 luglio 2018 – I numeri parlano chiaro e testimoniano il successo di una realtà italiana e di un settore, quale il crowdfunding, che sta vivendo un momento felice. Produzioni dal Basso, la storica piattaforma di raccolta fondi online in Italia ed Europa e quella con la più ampia community, ha registrato nel primo semestre del 2018 oltre 21.500 donazioni, ripagando appieno la fiducia di tutti coloro che hanno deciso di raccontare e “forgiare”sul portale, fondato nel 2005 da Angelo Rindone, una storia, condividendola con i propri amici e la propria community. E lo hanno fatto per realizzare un sogno, un’idea, un progetto, grazie all’aiuto di chi ci crede ed è disposto a scommetterci. Da gennaio a oggi, Produzioni dal Basso – piattaforma aperta a qualsiasi tipo di progetto, tanto che non viene posto alcun filtro all’ingresso – ha ospitato iniziative davvero importanti. Progetti che riguardano l’ambiente, l’arte, lo spettacolo, le donne, la scuola, le minoranze: ogni voce ha avuto la possibilità di farsi sentire sulla piattaforma, sia a livello locale che nazionale. E di ricevere un contributo concreto.

 

I dati riguardanti le donazionisono la testimonianza che, non soltanto la piattaforma ha una struttura semplice, intuitiva e immediatamente fruibile, tanto da essere utilizzata da un crescente numero di utenti, ma anche che il crowdfunding è ormai una forma di finanziamento alternativa cui le persone ricorrono sempre più di frequente, scommettendo su un valore importante: la solidarietà. Prova ne è il fatto che ben il 70% delle donazioni dei primi sei mesi del 2018 sono state fatte online, segno che donare, non soltanto è diventato un gesto semplice ma anche quotidiano, che si fa davanti al computer o al proprio dispositivo mobile. Un dato, quello delle donazioni online, che testimonia la fruibilità della piattaforma e l’eccellenza del servizio di assistenza offerto. Produzioni dal Basso ha infatti come obiettivo futuro quello di arrivare a una piena personalizzazione di ogni campagna, in modo da fornire il supporto necessario ai progettisti, per ottimizzare al meglio l’efficacia della propria iniziativa.

 

Quello del crowdfunding come forma di finanziamento alternativa è, del resto, un trend che coinvolge i privati, per quanto riguarda per esempio le iniziative proposte dai singoli o da associazioni, ma anche le aziende e le istituzioni, sempre più protagoniste di rilevanti progetti: Fastweb, BPER Banca, Banca Etica, Università Milano Bicocca e Corepla sono state infatti le realtà coinvolte nei bandi cofinanziati ospitati su Produzioni da Basso durante il primo semestre del 2018.

Oltre all’incremento delle donazioni (+ 1.200.000 euro di fondi raccolti, per un totale che si attesta sui 7 milioni) il portale ha registrato anche  un significativo aumento dei progetti finanziati (+ 500, negli ambiti di: comunità e sociale, libri ed editoria, film e cortometraggi, eventi e festival e arte e cultura) e una community sempre più attiva (+56.000 interazioni sui social, +5.000 commenti, +940.000 visite uniche e +4.500 conversazioni live chat). Senza contare l’aver ospitato, appunto,  5 bandi e opportunità di cofinanziamento.

 

Quello che abbiamo notato è che ormai il crowdfunding non è più visto come qualcosa di esotico, ma è entrato come freccia nell’arco di tantissime campagne di fundraising, fatte sia da privati che da aziende, associazioni e ONP. Questo ha consolidato il trend di crescita del mercato e sta avvicinando il crowdfunding a temi come la responsabilità sociale di impresa (CSR) e la misurazione dell’impatto sociale” –  commenta Angelo Rindone, CEO di Produzioni dal Basso. “La capacità di utilizzare i dati di piattaforme come Produzioni dal Basso sarà la sfida dei prossimi mesi. Un utilizzo che però deve andare a completo servizio delle persone e delle campagne di crowdfunding. Abbiamo 25milioni di dati e decine di indicatori unici. A breve saremo in grado di portare indistintamente, a tutte le campagne online (ad oggi sono più di 500), un livello di assistenza personalizzata capace di rendere più efficace il proprio progetto e l’esperienza di tutta la community.

Daniele Forza

Classe '82. Dopo aver conseguito una laurea triennale in economia di Internet ed una magistrale in finanza decide di perfezionare i suoi studi con un master in credit risk management. Appassionato di tecnologia e di finanza, fonda ItalianCrowdfunding.it per raccontare l'evoluzione del crowdfunding in Italia e nel mondo specializzandosi poi nell'area P2P lending.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.