Arriva Crowdfest: il festival del Crowdfunding all’italiana

È Crowdfest il festival sperimentale che dall’8 al 10 Aprile riunirà startuppers, imprenditori, progettisti, innovatori, studiosi e curiosi per fotografare lo stato dell’arte del Crowdfunding in Italia ed accrescere la cultura sul fenomeno nel contesto nazionale.

ItalianCrowdfunding
collabora e sostiene attivamente Crowdfest 2016
in qualità di Media Partner.

Crowdfest partner


L’evento, nato da un’idea di Giacomo ed Egidia Cassinese, si propone di creare un momento di aggregazione unico per promuovere la crescita efficiente del finanziamento dal basso in Italia. Una tre giorni dedicata alla discussione delle principali problematiche e criticità del sistema italiano grazie alla presenza di numerosi esperti e professionisti del settore. Un’occasione unica per progettisti, imprenditori o aspiranti tali di mostrare il proprio progetto e di confrontarsi con gli esperti.

Il palinsesto

Ricco e spumeggiante è il palinsesto concepito dagli organizzatori, cinque aree tematiche per offrire momenti di integrazione, discussione, formazione e confronto.

La cultura sul finanziamento dal basso si è sicuramente incrementata in Italia negli ultimi due anni, tuttavia, non tutti coloro che vorrebbero farvi ricorso ne conoscono appieno potenzialità e criticità. Quale miglior occasione per riunire esperti e crowdfunders per discuterne? Nasce così la prima area tematica del festival: Crowdtalks, una dinamica sessione di discussione e confronti sul crowdfunding e sulla sua applicazione ai settori del design, salute, scuola, cinema, cultura, civic, food e così via, il tutto condito dall’esperienza diretta di coloro che una campagna di crowdfunding l’hanno già lanciata.

Crowdfest rivolge una attenzione particolare ai progettisti, leggendo il programma mi sono imbattuta in una sessione a mio avviso molto stimolante. È apprendimento la parola chiave della seconda area tematica: Crowdlabs. Laboratori ed esercitazioni pratiche per imparare a costruire la tua campagna di crowdfunding, capire come dar vita ad una impresa, iniziare a comprendere le logiche di un business plan e tutelare le tue idee. Una buona idea rimane tale anche senza una adeguata progettazione, tuttavia questi laboratori rappresentano una preziosa occasione per iniziare a comprendere quale è l’abito adatto alla tua campagna. Learning by doing, ci vediamo lì, io intanto tiro fuori quel progetto dall’ultimo cassetto della scrivania dei nonni.

Crowdfest pare aver riservato una attenzione particolare ai futuri progettisti.

Da Kickstarter a Indiegogo, passando per l’italiana Eppela, l’innovazione continua a fiorire grazie al crowdfunding.  Made in Crowd ti farà scoprire tutti i prodotti del settore design ed high tech nati grazie al finanziamento della folla in mostra a Crowdfest. Se sei un Archimede del crowdfunding e vuoi dare visibilità alla tua invenzione, proponi la tua candidatura per la mostra!

Mettici la faccia! Quante volte l’abbiamo sentito dire? Sì, per presentarsi alla folla ci vuole coraggio. Se non sei come il Leone del Mago di Oz, allora fatti avanti. Pitch please! : presenta il tuo progetto d’impresa in dieci minuti a potenziali investitori ed esperti, ascolta consigli e dritte, confrontati su punti di debolezza e forza.

Qui a Crowdfest si abbonda. Last but not least, Back me up (Before you go-go) per raccontare il tuo progetto o lanciare la tua campagna al pubblico del festival con mini-speech della durata di 10 minuti.

Ospiti & Partnership

Il panorama italiano è ormai maturo per un confronto serio e costruttivo sulle dinamiche del crowdfunding. Crowdfest catalizza questa tendenza riunendo esperti multidisciplinari del panorama italiano e internazionale per iniziare a costruire un percorso di condivisione e integrazione. Più di 40 sono gli ospiti che prenderanno parte all’evento, Claudio Bedino (CEO e founder di Starteed), Alessandro Lerro (Chairman presso AIEC – Equity Crowdfunding Italian Association), Marco Nannini (CEO di Impact Hub Milano), Lucia Scoppelliti (Responsabile del servizio Smart City del Comune di Milano), Tomaso Greco (Co-founder di Bookabook), per citarne alcuni. Quindici invece le piattaforme che prenderanno parte all’evento, alcune delle quali in qualità di partner di spicco, come il Giffoni Innovation Hub.

L’acceleratore di progetti, start-up e format sul mondo dell’arte e della cultura, lega il suo impegno a Crowdfest 2016 con la promozione di un premio speciale, interamente dedicato alla selezione di progetti culturali, artistici e creativi. La call del Giffoni Innovation Hub potrà riguardare qualsiasi tipologia di progetto (video editoriali, reportage fotografici, ecc.), i sei progetti più interessanti saranno annunciati durante il Crowdfest e potranno essere inseriti sulla piattaforma Giffoni. La deadline per l’invio del progetto è il 25 Marzo, scopri tutti i dettagli.

Where?

È Bologna la città che ospiterà Crowdfest 2016. Nel pieno centro della suggestiva città emiliana, a pochi passi da Le due Torri e dalla Basilica di Santo Stefano, il festival avrà come cornice Palazzo Isolani, storico edificio adornato da magnifici affreschi. Scopri come arrivare.

Call for fest

Ti piacerebbe avere un posto tra i protagonisti del festival? Proponiti per le Call for Fest: esponi il tuo progetto alla Made in Crowd, presenta il tuo progetto a investitori e consulenti o al pubblico presente.

Save the date

8-9-10 aprile 2016. Il programma di Crowdfest è in continuo aggiornamento. Consulta il programma completo per scoprire day by day il festival italiano del Crowdfunding!


Prenota la tua partecipazione a Crowdfest! Qui i Biglietti
Per info: ciao@crowdfest.it
Rimani sempre aggiornato: FacebookTwitter –  Instagram

Lucia Michela Daniele

Anno 1987, Dottoressa in Economia & Management, Musicista per genetica e Lettrice del Mondo. Il Crowdfunding entra nella sua vita grazie alla tesi di laurea magistrale, e si ostina a non abbandonarla. Appassionata di Startup e Business Strategy è fermamente convinta che la finanza alternativa possa contribuire fattivamente al rinvigorimento della nostra, da troppo tempo ormai, malata economia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *