I 7 segreti sul crowdfunding di una nota piattaforma, rivisti e rivisitati

Se hai deciso di avviare una campagna di crowdfunding, probabilmente è per un’idea a cui pensi da un po’ e noi vogliamo darvi qualche consiglio, ma non ditelo in giro.

Quasi tutti conosciamo queste sette pietre miliari del crowdfunding basate sull’analisi statistica di 100.000 campagne di Indiegogo; li abbiamo letti, tradotti e un po’ interpretati.

Il Crowdfunding è una delle vie da percorrere per  finanziare ciò che si vuole realizzare; che si tratti dell’ultimo album di una band, un cortometraggio, un nuovo gadget, delle tasse universitarie o le spese mediche … la lista potrebbe continuare all’infinito. Ogni progettista per raggiungere il successo deve avere conoscenza dello strumento, così, Indiegogo ha messo a disposizione una ricerca sulle statistiche realtive a  100.000 campagne per vedere cosa funziona e cosa no. Qui ci sono le 7 statistiche chiave, risultato della ricerca:

1. La durata ideale di una campagna è di 30 giorni

Impostare il corretto lasso di tempo è fondamentale per la buona riuscita di una campagna. Lo scopo è fare in modo di dare ai progettisti e alla comunità tutto il tempo per radunarsi intorno alla causa per raggiungere l’obiettivo. Di tutte le campagne analizzate che sono arrivate in gol, quasi un terzo di loro (30,5%) ha condotto una campagna tra i 30 e i 39 giorni.  Il tempo va calcolato in base a quanto si è in grado di costruire interesse, mantenere lo slancio e l’attenzione del pubblico. Dalle ricerche di Indiegogo è questo il lasso di tempo che potrebbe funzionare meglio per le campagne in termini di marketing e di risorse.
La nostra aggiunta a questo primo punto è di ragionare molto bene sulla somma richiesta che deve essere in linea con il fabbisogno, ma anche con il mercato, sempre in relazione al target (qui c’è un nostro articolo che parla di performance monetaria su piattaforma italiana).

2. Tenere la pagina della campagna aggiornata

Uno dei più importanti suggerimenti sul crowdfunding che condividiamo più e più volte è quello di mantenere aggiornata la pagina della campagna dopo il lancio. Non importa che tipo di progetto si possiede, è fondamentale mantenere i sostenitori nel ciclo di qualsiasi progresso fatto. Gli aggiornamenti delle campagne, solitamente, vengono inviati via email a tutti coloro che contribuiscono, quindi sono il modo più diretto per entrare in contatto con  i collaboratori post-lancio. In media, nelle campagne di successo vengono inviati almeno 4 aggiornamenti. Avere una pagina della campagna aggiornato è il modo migliore per comunicare con i propri sostenitori, informandoli di qualcosa di nuovo o emozionante e facendoli sentire coinvolti con la vostra campagna attraverso l’intero processo.

3. Partire forte, finire forte

Una forte tendenza che abbiamo trovato analizzando questi 100.000 progetti (non solo quelli che hanno raggiunto il gol) è che il 42% dei fondi sono raccolti nei primi e negli ultimi 3 giorni di durata della campagna. Si dovrebbe tenere in considerazione quando si pianifica la strategia globale di marketing nel crowdfunding – essere pronti a iniziare forte al momento del lancio, pianificare una strategia a metà-campagna per mantenere lo slancio e aumentare l’esposizione e la rampa fino vostri sforzi (insomma, occhio ad alti e bassi della campagna), alla fine della campagna per finire forte.

4. Aggiungere nuove ricompense dopo il lancio

Le ricompense sono il modo per incentivare la gente a contribuire alla tua campagna. C’è un numero infinito di diversi ricompense che si possono offrire, ma a prescindere di ciò che si decide di includere, in media, le campagne di successo aggiungono 12 nuove ricompense dopo il lancio (su questo numero siamo un po’ discordi con la statistica ed il vero consiglio che diamo è di pianificare prima di tutto delle ricompense in linea con il proprio progetto, coinvolgendo il più ampio ventaglio di possibili backers, soprattutto nella forbice al di sotto dei 100€).
Questi progettisti hanno raggiunto il successo aggiungendo ricompense, dando ascoltato al loro pubblico, rilasciando nuovi vantaggi su misura specificamente per desideri e bisogni della comunità.
Il coinvolgimento del pubblico attraverso i commenti della campagna e social media è un ottimo modo per determinare ciò che il mercato vuole realmente. L’aggiunta di nuove ricompense dopo aver già lanciato è il modo migliore per soddisfare la vostra comunità, inoltre, migliorare quelle già esistenti può attirare nuovi segmenti di pubblico a contribuire alla tua campagna (insomma, la Crowd non serve solo a darvi i fondi ma soprattutto a rendere l’idea adatta al mercato).

5. Lavorare con un Team

L’intero concetto di crowdfunding si basa sul coinvolgimento della folla, quindi ha senso che progettisti che lavorano in team raccolgano più il triplo dei fondi di proponenti che scelgono di lavorare da soli. L’esecuzione di un progetto di crowdfunding prende un sacco di tempo e fatica; e l’unico modo per alleggerire il carico è quello di avere compagni di squadra lì per sostenere te e spartire il lavoro.
Si avrà così anche la possibilità di moltiplicare la rete una volta combinate tutte le reti di ogni membro del team individualmente. Inoltre, persone diverse hanno punti di vista e idee diverse, lavorare in una squadra vi aiuterà a sviluppare la vostra idea e trasformarla nel miglior modo possibile.

6. Includere un video di presentazione

I video sono tra i contenuti che creano maggior engagement su Internet oggi. Sono un modo efficace e coinvolgente di comunicare con il pubblico. Le campagne con un video di presentazione raccolgono 4 volte più fondi rispetto alle campagne senza, quindi è chiaro che la comunità di crowdfunding ami i video. Inoltre il video non solo è utile per educare i potenziali contributori sul vostro prodotto, pellicola o servizio, ma è possibile stabilire una connessione più personale con loro. Aggiornare la vostra comunità con i video è anche un ottimo modo per continuare a impegnarsi con loro dopo il lancio. Assicuratevi di effettuare un video di presentazione che siamo emozionante e coinvolgente, ma anche di facile comprensione (vi postiamo qui 6 TIPS direttamente da Indiegogo per un viedo di successo).

Tips PRO: Caricare il video direttamente su Facebook lo aiuterà a raggiungere più persone in modo organico e guidare la consapevolezza sulla campagna!

7. Massimizza la tua portata globale

Indiegogo è una piattaforma globale, raggiunge 224 paesi in tutto il mondo. Non importa dove si è ubicati, ricordate che il crowdfunding vi dà la possibilità di raggiungere sconosciuti in tutto il mondo. Quando si pianifica la strategia di marketing, pensate a diversi fusi orari e su come indirizzare la comunicazione nei paesi specifici che potrebbero essere interessati nella vostra campagna.
A questo aggiungiamo che anche Kickstarter è un enorme comunità globale costruita intorno creatività e progetti creativi. Oltre 10 milioni di persone, provenienti da ogni continente della terra, hanno sostenuto un progetto Kickstarter.

E queste sono solo due piattaforme; il consiglio più grande che possiamo condividere con voi però è di dare la giusta misura al proprio progetto e scegliere anche la piattaforma in base al proprio obiettivo, e ricordatevi che i primi sostenitori del vostro progetto siete VOI STESSI!


Bonus Track: Nel caso in cui tu abbia una bella idea, condividila con noi.
Ma siate chiari e senza timore, tanto ci sono io a leggerle.

Nicola Furnari

Siciliano adottato dalla nebbia, laurea in marketing e passione per il digital. Amo cibo, vino e mare e loro amano me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *